Pompa di calore aria-acqua - split o unità singola? Cosa scegliere?

Pompa di calore aria-acqua - split o unità singola? Cosa scegliere?

Vota questo post

Spesso si parla di pompe di calore split e talvolta di pompe di calore monoblocco. A seconda del Paese, viene installato più spesso l'uno o l'altro tipo di pompa di calore. In Francia, ad esempio, 90% delle pompe di calore installate sono di tipo split. In questo articolo esamineremo la differenza tra questi due tipi di pompe di calore.

  • Monoblocco: l'intero circuito di refrigerazione si trova nell'unità esterna.
  • Split: il circuito di refrigerazione è diviso in due parti, una interna e una esterna.

NB: è possibile richiedere un preventivo per una pompa di calore split o monoblocco, tramite la nostra rete di installatori qualificati RGE Qualipac, utilizzando il seguente modulo (valido in Francia e Belgio)

La pompa di calore split

Questo tipo di pompa di calore è il più diffuso in Francia, ma non in Svizzera, tranne che nelle regioni di confine. La pompa di calore split è anche chiamata split. Il principio è facile da capire. Parte del circuito di refrigerazione si trova nell'unità esterna. Questa è la parte che cattura il calore dall'aria esterna. È costituito principalmente dall'evaporatore, dal compressore e dalla valvola di espansione.

Il blocco esterno è quindi collegato a un modulo interno, detto anche modulo idraulico, tramite linee frigorifere, per chiudere il circuito del refrigerante al condensatore. Il condensatore è il quarto componente principale del circuito di refrigerazione. Può assumere la forma di uno scambiatore di calore a piastre o di un condensatore coassiale.

È questo che ridistribuisce le calorie catturate all'esterno, sul circuito idrico dell'abitazione, e al serbatoio dell'acqua calda sanitaria se prodotta dalla pompa di calore.

Il fatto che ci sia un collegamento refrigerante tra le due unità, interna ed esterna, significa che il refrigerante circola costantemente tra l'interno e l'esterno della casa:

  • Ciò rappresenta una carica di refrigerante più elevata rispetto a un modello monoblocco in cui il circuito è limitato all'unità esterna.
  • Ciò aumenta il rischio potenziale di perdite di refrigerante, che a seconda del fluido utilizzato sono dannose per l'ambiente, ma che ovviamente mettono a rischio l'intero impianto della pompa di calore finché la perdita non viene individuata e riparata da un tecnico della refrigerazione.

Questo tipo di installazione di split richiede il know-how di un tecnico della refrigerazione per realizzare il collegamento interno-esterno nel modo corretto e per risolvere i problemi se qualcosa non va. Non tutti i termotecnici hanno queste competenze.

La pompa di calore split NON ha prestazioni migliori di una pompa di calore monoblocco, contrariamente a quanto si può leggere in alcuni luoghi. Non c'è motivo per cui debba avere un rendimento o un COP migliore. Tutto sta nella disposizione dei componenti, una questione di design e di scelta.

Il sistema split è restrittivo perché limita la scelta dei professionisti.

La pompa di calore monoblocco

In questo tipo di pompa di calore, l'unità esterna contiene tutti i principali componenti del circuito di refrigerazione. Si tratta di evaporatore, compressore, valvola di espansione e condensatore. Il calore viene poi trasferito tramite un tubo dell'acqua dall'unità esterna al locale tecnico della casa.

Il refrigerante è confinato nell'unità esterna. Il refrigerante non passa tra l'interno e l'esterno della casa.

Sarà necessario installare tubi remoti interrati nel giardino, in cui circolerà acqua con un po' di glicole per evitare il congelamento nelle condizioni invernali più estreme. Purtroppo, questo glicole comporta una perdita di potenza, poiché l'acqua glicolata non trasmette il calore come l'acqua pura, con conseguente perdita di efficienza.

Per l'installazione di questo tipo di dispositivi non è necessario alcun certificato di movimentazione dei fluidi da parte di un termotecnico, tranne che per la messa in funzione di una pompa di calore contenente più di 2 kg di fluido.

Con una pompa di calore monoblocco :

  • L'installazione è più semplice e meno costosa
  • Tuttavia, bisogna tenere conto del costo delle tubature a lunga distanza per trasportare l'acqua dall'interno all'esterno. Non sono economici.
  • Non è necessario un modulo interno all'abitazione, quindi è possibile risparmiare spazio rispetto ai modelli split. Ma, a meno che non siate appassionati di Wim Hof, avrete comunque bisogno di un serbatoio per l'acqua calda.
  • Non è necessario rivolgersi a un tecnico della refrigerazione per l'installazione o la riparazione, poiché si tratta ancora di una merce rara e i loro prezzi sono spesso più alti di quelli dei tecnici del riscaldamento e dei sanitari.
  • La potenza che può essere trasmessa dall'unità esterna è limitata al flusso d'acqua che può passare attraverso i tubi remoti. Sarà quindi difficile aumentare la potenza dell'impianto, se un giorno se ne presenterà la necessità, poiché non sarà mai possibile far passare più acqua attraverso i tubi che hanno una sezione fissa. Con un sistema split, i parametri di un gas refrigerante possono essere modificati per modulare la potenza, o anche il gas può essere cambiato, il che è più semplice.

Vantaggi e svantaggi dello split rispetto al monoblocco

VantaggiSvantaggi
Pompa di calore BiblocBuona trasmissione di potenza riscaldamento, direttamente attraverso il refrigerante.
Possibilità di salire a temperature più elevate sistema di riscaldamento ad acqua, come ad esempio un Daikin Altherma 3H HT.
Più flessibile in termini di modulazione di potenzao l'evoluzione dell'energia, mediante retrofitting.
Necessità di un ingegnere del freddo per collegare il circuito del refrigerante.
Carico di fluidi più elevato
Installazione leggermente più costosa
- Un piccolo dispositivo più costoso
Occupa spazio all'interno dell'abitazione
PAC MonobloccoNon sono necessarie competenze in materia di refrigerazione per collegare le singole pompe di calore se hanno meno di
2 kg di fluido nel circuito
- Dispositivo più economico
Installazione più economica
- Installazione meno ingombro
Minore rischio di perdite di gas
- Gas all'esterno, quindi è possibile utilizzare il gas all'aria aperta. sicurezza gas ecologico ma infiammabile, come il propano o l'R290, e altre
Perdita di prestazioni a causa del glicole presente nell'acqua che collega l'interno all'esterno.
- Necessità di installare linee di controllo remoto per il trasporto dell'acqua + pompa di circolazione.

La pompa di calore split ha senso soprattutto nel caso in cui sia necessario riscaldare l'acqua ad alta temperatura, ad esempio se si tratta di una ristrutturazione su vecchi radiatori e questi vengono mantenuti. Ma allora il COP sarà negativo... più vicino a 2 che a 4. È anche rilevante nel caso di una casa che si evolverà nel tempo e richiederà più potenza in futuro. Sarà più facile adattare la pompa di calore split alle nuove condizioni.

Il PAC Monobloc ha senso se il locale tecnico è piccolo, se l'abitazione non è destinata a subire grandi cambiamenti, se si vuole risparmiare sull'installazione e sulle attrezzature o se non si vuole dipendere dalle competenze specialistiche degli specialisti della refrigerazione, a volte difficili da trovare. Infine, rassicura confinando il gas refrigerante all'esterno dell'abitazione, riducendo il rischio di un grave incendio causato da un gas infiammabile come l'R32 o l'R290.

Il futuro in bi-blocco o mono-blocco?

Oggi in Francia, come già detto, la maggior parte delle pompe di calore aria-acqua è di tipo split. E basta guardare il sito web di EDF, che è obbligata a promuovere le energie rinnovabili a causa della CEE, per rendersi conto che sta chiaramente spingendo verso modelli divisi.

In Svizzera, la tendenza non è così marcata, in primo luogo perché i produttori non spingono per lo split ma piuttosto per il monoblocco, e in secondo luogo perché gli specialisti della refrigerazione non sono presenti come in Francia, per mancanza di una formazione sufficientemente ampia. Tuttavia, gli installatori di impianti sanitari sono molto presenti in tutta la Svizzera e installano pompe di calore che possono controllare e collegare senza alcuna conoscenza specifica, cioè i modelli monoblocco.

Il futuro sarà segnato dall'evoluzione dei refrigeranti, poiché l'R410A sta già scomparendo a favore dell'R32 con un GWP (Global Warming Potential) 3 volte inferiore (circa 700). Tuttavia, questo fluido è leggermente infiammabile. D'altra parte, alcuni produttori come Vaillant o Alpha-Innotec stanno già guardando avanti e utilizzano un gas ancora meno dannoso per lo strato di ozono, con un GWP ridicolmente basso di 3. Si tratta del propano o R290. Tuttavia, questo gas è davvero più infiammabile. La tendenza è quindi quella della sicurezza e si può immaginare che un numero sempre maggiore di produttori offrirà modelli monoblocco e spingerà verso queste soluzioni per motivi di sicurezza con il gas R290. I collegamenti interni-esterni verrebbero quindi effettuati con acqua anziché con questo tipo di gas ecologico ma infiammabile.

CONFRONTO TRA 10 POMPE DI CALORE SPLIT

X
it_ITItalian