Scegliere il kit solare giusto per l'autoconsumo

Scegliere il kit solare giusto per l'autoconsumo

Il crescente desiderio di indipendenza energetica e il continuo sviluppo di dispositivi di riscaldamento elettrico come le pompe di calore stanno portando a un aumento dell'interesse per il solare fotovoltaico. In particolare, il kit solare per l'autoconsumo sta guadagnando importanza e popolarità. Diamo un'occhiata ai dati da tenere in considerazione per una buona selezione.

Che cos'è l'autoconsumo solare?

Autoconsumo significa produrre la propria elettricità e consumarla con i propri apparecchi elettrici. Non è necessariamente totale, cioè si può essere autoconsumatori anche se si producono e consumano solo 30% di elettricità.

Inoltre, ilautoconsumo Questo può essere fatto individualmente, ma anche collettivamente. Nel primo caso, si dispone, ad esempio, di pannelli solari fotovoltaici sul tetto della propria casa unifamiliare e si produce e consuma da essi. Nel secondo caso, si consuma elettricità da uno o più produttori locali di elettricità fotovoltaica rinnovabile.

L'autoconsumo non implica necessariamente una completa indipendenza dalla rete, poiché è possibile consumare la propria elettricità solo se è necessaria immediatamente quando è disponibile, e quindi quando c'è energia solare.

Il raggiungimento di un certo grado di indipendenza richiederebbe l'installazione di sistemi di stoccaggio ancora piuttosto costosi.

Scegliere la potenza giusta per il kit di autoconsumo solare

Per determinare la giusta potenza del kit solare per l'autoconsumo, è necessario innanzitutto determinare il consumo elettrico da coprire. A tal fine, è necessario stilare un elenco di tutti gli elettrodomestici che consumano elettricità e stimare il tempo di funzionamento giornaliero.

Si otterrà quindi una certa quantità di KWh o Killowattora che la produzione dei pannelli solari dovrebbe coprire.

Se la potenza massima teorica di un pannello solare, detta anche potenza di picco, è ad esempio 300Wp = 300 Watt di picco, allora il pannello solare sarà in grado di erogare 300W al massimo delle sue capacità e in condizioni teoriche ideali. In realtà fornisce più o meno 70% di questa potenza, qui circa 210-220W per un pannello da 300W.

Ciò significa che se si determina un fabbisogno totale di 20 kWh al giorno, considerando 8 ore ottimistiche di produzione al giorno, si ottiene 20.000 / 8 = 2500W al giorno da produrre. Con 210W per pannello, abbiamo bisogno di 2500 / 210 = 12 pannelli da 300Wp. Si tratta di una stima approssimativa per dare un'idea.

In generale, un kit di autoconsumo per una villa si aggira intorno ai 3kWp di potenza erogata. Inoltre, l'elettricità è destinata alla rivendita.

Cosa considerare quando si sceglie la taglia?

Per effettuare un dimensionamento pertinente, è necessario prendere in considerazione il profilo della casa quando i pannelli sono in grado di produrre, cioè durante il giorno e piuttosto in estate.

Infatti, non è rilevante considerare il riscaldamento elettrico che funziona in inverno e piuttosto nei periodi in cui non c'è il sole.

D'altra parte, tutti i consumi di base della casa che funzionano in modo continuo, come i motori delle pompe, i ventilatori, alcuni elettrodomestici in standby, ecc.

Poiché il consumo di una lavatrice è generalmente così elevato, non è molto rilevante tenerne conto nel calcolo, poiché il campo fotovoltaico dovrebbe essere sovradimensionato per compensare questo consumo di picco. È più ragionevole considerare un consumo medio da compensare e dire che i picchi di consumo saranno comunque garantiti dalla rete abituale.

Questo per evitare di gonfiare l'investimento iniziale e per mantenere un ritorno sull'investimento entro pochi anni e non nell'arco di qualche decennio, che non avrebbe più senso.

Quali sono gli aiuti pubblici disponibili per l'autoconsumo in Francia?

L'acquisto e l'installazione di un kit di autoconsumo richiede un certo budget da tenere in considerazione nel calcolo del ritorno sull'investimento. Tuttavia, lo Stato concede anche sovvenzioni che consentono di ridurre il costo dell'investimento.

Gli impianti solari che consentono l'autoconsumo hanno diritto a un premio in base alla potenza di picco totale. Questo premio viene spesso pagato per un periodo di 5 anni da EDF, insieme al reddito generato dalla rivendita del vostro surplus (che non viene autoconsumato ma comunque prodotto dai pannelli del vostro kit).

  • Per una potenza inferiore a 3kWp: 380€ per kWp
  • Per una potenza compresa tra 3 e 9kWp: 280€ per kWp
  • Per una potenza compresa tra 9 e 36kWp: 160€ per kWp
  • Per una potenza compresa tra 36 e 100kWp: 80€ per kWp

Inoltre, se gli impianti sono collegati alla rete e hanno una capacità di 3kWp o inferiore, possono beneficiare dell'aliquota IVA ridotta di 10% invece di 20%.

Come installare un kit di autoconsumo?

Esistono due opzioni: l'installazione autonoma. Avete le competenze tecniche e vi sentite in grado di riflettere sulla tecnologia fotovoltaica in modo che il vostro impianto sia ben congegnato e funzioni correttamente. Allora installate i vostri pannelli da soli, non siete mai serviti meglio che da soli.

Tuttavia, se l'orientamento dei pannelli, la potenza da scegliere, il cablaggio o l'uso di un inverter di stringa o di micro-inverter sembrano una sfida complessa, è meglio rivolgersi a un team di professionisti esperti che hanno già fatto lo stesso a casa di vicini o amici.

Nella maggior parte dei casi saranno anche in grado di occuparsi delle procedure amministrative per gli aiuti governativi.

it_ITItalian