Perché sostituire la caldaia a gas con una pompa di calore?

Perché sostituire la caldaia a gas con una pompa di calore?

A seguito dello straordinario aumento dei prezzi del gas nel corso del 2021, le tariffe del gas hanno raggiunto il livello più alto da circa 10 anni a questa parte. Senza la decisione del governo di "congelare" i prezzi del gas nel novembre 2021, il tasso avrebbe continuato a salire. Se i prezzi non scenderanno nel 2022, il governo ha promesso di abbassare le tasse per regolare, quindi il 2022 dovrebbe rimanere stabile "normalmente", ma cosa riserva il futuro?

Come se il Bitcoin stesse crollando, l'aumento dei prezzi del gas sta causando il panico dei consumatori e l'interesse per soluzioni alternative, tra cui le pompe di calore. In questo articolo discuteremo i motivi per cui si potrebbe sostituire una caldaia a gas con una pompa di calore e se è fattibile o conveniente.

Motivi per cambiare una caldaia a gas con una pompa di calore (elettrica)

Come già detto, Le tariffe del gas possono far paura Questo è l'unico modo per ridurre l'attuale costo dell'energia e spingere verso un cambiamento energetico in previsione di futuri aumenti. Le grandi potenze emergenti del mondo, con i loro miliardi di abitanti, utilizzano sempre più combustibili fossili per il riscaldamento. Con l'aumento della domanda, i prezzi aumentano naturalmente.

D'altra parte, il prezzo del gas dipende in parte dal prezzo del petrolio, che per ragioni simili subisce aumenti significativi, come si può vedere ogni giorno quando si passa davanti al distributore di benzina.

Ci sono tutte le ragioni per credere che il prezzo del gas non scenderà, dato che la domanda aumenta, l'estrazione diventa sempre più difficile e l'energia è per sua natura fossile e finita.

Una visione a lungo termine delle vostre finanze, così come una entusiasmo per le energie rinnovabili, sono motivi per scegliere una pompa di calore per il riscaldamento. Infatti, la pompa di calore funziona con l'elettricità, un'energia che può essere creata dall'energia eolica, solare o nucleare.

A disponibilità a consumare a livello nazionale o regionale è anche un argomento. Oggi, in Francia, in Belgio o in Svizzera, la maggior parte del gas viene importata dalla Norvegiail Russia, Algeria o nei Paesi Bassi.

Principali fonti di importazione di gasNorvegiaRussiaAlgeriaPaesi Bassi (UE)Altro
Francia43%21%8%11%17%
Svizzera47%24%3%19%7%
Belgio33%45%22%

Come si può notare, c'è una forte dipendenza dai Paesi stranieri, europei e non. Con la frettolosa chiusura della produzione di gas nei Paesi Bassi (chiusura della centrale di Groningen nel 2022) questa dipendenza non potrà che aumentare verso i Paesi lontani.

Ma non è solo questo: ci sono molti altri motivi per cui si potrebbe smettere di usare il gas. Forse avete sentito parlare di un divieto di utilizzo del gas in Francia?

Infatti, il 2020 normativa ambientale indica che il 1° gennaio 2022 È la fine del riscaldamento a gas nelle nuove case. Ciò significa che non sarà più possibile per architetti e altri responsabili di progetto progettare caldaie a gas nelle nuove abitazioni! Naturalmente potete tenere la vostra caldaia a gas per tutto il tempo che volete nella vostra casa e nessuno verrà a smontarla! Tuttavia, questo determina la disponibilità a fermare il gas e delinea un futuro nelle energie rinnovabili a cui si desidera o meno iscriversi.

Quale pompa di calore scegliere per sostituire una caldaia a gas?

Ricordiamo brevemente il principio della pompa di calore. Si tratta di un dispositivo che estrae calorie da una fonte di energia esterna (aria, acqua o terreno) e le rilascia al mezzo di riscaldamento dell'abitazione (principalmente acqua e talvolta aria).

Esistono diversi tipi di pompe di calore, ma nel contesto della sostituzione di una caldaia a gas se ne distinguono due. La pompa di calore aria-acqua, che pompa energia nell'aria esterna, e la pompa di calore geotermica, che pompa calore nel terreno del giardino (se vivete vicino a un lago, la pompa di calore acqua-acqua è una terza opzione, che pompa calore nell'acqua). Di solito è molto efficiente)

Come scegliere tra una pompa di calore Aria-Acqua e una pompa di calore Geo?

Vantaggi e svantaggi dei due sistemi CAP

Vantaggi

ARIA ACQUA SUOLO ACQUA
Installazione più rapidaingombro ridotto della macchina
Nessuna perforazione, nessun rischio geologicoEccellente coefficiente di prestazione (COP) (4 ->5)
Più economicoPrivacy acustica e visiva

Svantaggi

ARIA ACQUA SUOLO ACQUA
Compressore in giardino = rumoreTrivellazioni costose
Gruppo esterno bruttoRischio geologico
COP inferiore a quello della geotermia (3)File di autorizzazione più complesso

La pompa di calore geotermica richiede la perforazione del terreno. Questa perforazione si svolge di solito tra i 50 e i 200 metri di profondità. Potete immaginare che si tratta di un'operazione delicata. Se non avete un giardino, potete scordarvelo. Se avete un giardino, dovrete accettare il fatto che avrà un aspetto "brutto" per un certo periodo di tempo dopo la perforazione, oppure affidare l'incarico a un paesaggista. Infine, bisogna sostenere il costo della perforazione, che supera rapidamente i 15kCHF o 10k€.

In breve, se cercate la semplicità, vi orienterete rapidamente verso una pompa di calore aria/acqua. È certamente meno economico in termini di energia elettrica, ma è più facile e veloce da installare, offrendo un COP accettabile e un investimento inferiore.

Come stimare il risparmio ottenuto sostituendo una caldaia a gas con una pompa di calore?

Prima di tutto, è necessario conoscere il consumo annuale di gas precedente. In generale, questo valore è indicato direttamente in kWh sulla bolletta.

Prendiamo ad esempio un consumo di gas di 15'000kWh all'anno. Per ottenere una stima del futuro consumo di elettricità con la pompa di calore, è possibile dividere questo valore per il valore SCOP indicato nelle schede tecniche. Se questo valore è di 4,5, allora 15.000 / 4,5 = 3333kWh sarà il vostro probabile consumo di elettricità. Ciò equivale a 533 euro all'anno e a circa 45 euro al mese.

La pompa di calore produrrà quindi sempre i 15.000 kWh per il riscaldamento, perché questo è il fabbisogno di riscaldamento. Di questi 15.000 kWh, 3.333 kWh saranno ricavati dall'elettricità e i restanti 11.666 kWh proverranno dal terreno se si è optato per l'energia geotermica o dall'aria nel caso dell'aria-acqua.

NB: naturalmente, per ridurre il fabbisogno iniziale di energia per il riscaldamento della casa, è possibile ripensare l'isolamento dell'involucro. Quindi i 15.000 kWh potrebbero essere trasformati in 10.000 kWh e la pompa di calore pomperebbe solo 2.222 kWh di elettricità nel nostro esempio.

Se la bolletta del gas riporta quantità in m3, moltiplicatele per 11 per ottenere una stima approssimativa dell'equivalente in kWh. 11 è un fattore che corrisponde approssimativamente al potere calorifico del gas. Esempio: 1'500 m3 di gas equivalgono a 16'500kWh. In generale, però, le bollette del gas sono indicate in kWh perché un m3 di gas non contiene sempre la stessa quantità di energia a seconda della sua origine geologica.

Come sostituire una caldaia a gas con una pompa di calore? Processi e vincoli.

La pompa di calore è un sistema di riscaldamento

  • Che funziona in modo ottimale se produce acqua a bassa temperatura (35°C). Il suo COP sarà eccellente in questo caso.
  • Che funziona con un delta T° (differenza di temperatura di ritorno) di 5°C in generale.

Sulla base di questi risultati, si possono distinguere diversi casi:

Riscaldamento a pavimento

Questo è il caso ideale. Un sistema di riscaldamento a pavimento richiede basse temperature dell'acqua, che è esattamente ciò che ci offre la pompa di calore, con il suo miglior coefficiente di rendimento. In questo caso, è sufficiente scollegare la caldaia a gas dall'impianto di riscaldamento a pavimento e collegare invece la pompa di calore (il suo modulo interno).

Successivamente è necessario effettuare il collegamento tra il modulo interno e il modulo esterno della pompa di calore. Se avete optato per una pompa di calore split, il refrigerante circola tra i due moduli, quindi avrete bisogno di un vero tecnico della refrigerazione che si occupi del collegamento. Se si è optato per la versione monoblocco, saranno i tubi remoti a collegare le due unità. Questi tubi dovranno essere interrati nel giardino.

Caso di radiatori

Se si dispone di un impianto più vecchio con radiatori. Questi richiedono temperature dell'acqua più elevate e un delta T° più alto per garantire la potenza di riscaldamento necessaria.

Mentre la pompa di calore funziona in modo ideale con una certa portata e un certo delta T° di 5°C, i vostri radiatori hanno bisogno di una portata e di un delta T° diversi.

La soluzione prevede il disaccoppiamento. Ciò si ottiene installando un cilindro di disaccoppiamento che separa il circuito primario (pompa di calore) dal circuito secondario (radiatori). Ognuno di essi può quindi operare da solo in condizioni ideali.

Oltre a questa separazione delle due reti, la bottiglia di disaccoppiamento, nota anche come bottiglia rompi-pressione, consentirà il degassamento e lo spurgo dell'aria, nonché la decantazione e il lavaggio dei fanghi, poiché le portate sono molto basse nella bottiglia, il che consente alle impurità di cadere sul fondo.

Caso di un sistema bi-zona o multizona

Non è sempre facile installare il riscaldamento a pavimento in tutte le stanze della casa, soprattutto al piano superiore. Per questo motivo è comune avere un piano terra con riscaldamento a pavimento e un piano superiore con radiatori.

In questo caso, la rete secondaria è composta da due zone. La zona del pavimento e la zona del radiatore. Ciascuna di queste zone richiede temperature e portate diverse.

Allo stesso modo, l'installazione di una bottiglia di disaccoppiamento è ideale. Disaccoppierà tutto:

  • La rete primaria (PAC)
  • La 1ª rete secondaria = piano
  • La 2a rete secondaria = radiatori

Ciascuno di questi circuiti sarà collegato alla bottiglia. Ciò consentirà a ciascuno di essi di funzionare in modo ottimale.

I vari produttori di pompe di calore offrono tutti un'opzione di kit a doppia zona per le loro pompe di calore. Questi kit bi-zona contengono tutto il necessario per gestire entrambi i circuiti: valvole, circolatori, sensori, termostati, regolatore. Si può vedere un esempio con il Daikin Altherma qui.

it_ITItalian